TECNICA E SUGGERIMENTI

Send by emailSend by emailVersione PDFVersione PDF
  • TECNICA E SUGGERIMENTI

    Gli acquarelli sono dei colori in polvere mescolati a leganti speciali, il più efficace è la gomma arabica. Si trovano in commercio in varie forme che si differenziano per la diversa densità del colore. L'acquarello in tubetto è più pastoso, facilmente solubile e permette di preparare una maggiore quantità di colore. L'acquarello in panetti contiene piccole quantità di glicerina che lo rende semi-umido, quindi rapidamente diluibile. La tecnica dell'acquarello, molto usata dagli impressionisti, trova migliore espressione in soggetti quali i fiori o i paesaggi naturali. Gli acquarelli possono essere stesi utilizzando diverse modalità e tecniche che consentono di ottenere effetti molto creativi e artistici.
    Molto importante è saper miscelare i colori, vediamo insieme come. Per meglio capire è bene ricordare le fasi principali della tecnica delle velature, tipica della pittura ad acquarello: Si esegue il disegno a matita tracciando segni leggeri. Si stende il colore, iniziando proprio dalle zone chiare, luminose. Si lascia asciugare il lavoro e poi si esegue una seconda velatura sovrapponendo colori leggermente più scuri nei punti di semi ombra che rinforzano la tonalità e danno volume alla figura. Infine si realizzano i dettagli usando un pennello a punta e si completa pennellando le zone d'ombra.

    1-La regola fondamentale per l'approccio all'acquerello è sapere che nella pittura specifica Non si usa il bianco ma si deve lasciare sempre che il colore della carta nella zona che deve rimanere bianca, possa trasparire senza coperture del colore stesso. In pratica è necessario procede al contrario di come si procede comunemente con le altre tecniche e cioè: prima di tutto bisogna capire ed individuare tutte le parti che devono avere luce e andare ad aggiungere il colore nelle parti scure. Detto questo iniziamo a dipingere con l'acquerello tenendo il foglio orizzontale poiché i colori sono molto diluiti e acquosi con la possibilità che colino creando sbavature e imperfezioni. Si tratteggia sul foglio il disegno prestabilito senza dover intervenire in un secondo tempo perchè la trasparenza della tecnica non consente di fare correzioni.

  • 2-La tecnica prevede due modi diversi per dipingeread acquerello: a velature e a guazzo. Se scegliete la tecnica a velature è necessario sovrapporre con molta leggerezza, quindi il tocco sarà lieve, il colore molto diluito per andare a rafforzarlo nella sua tonalità. Se invece scegliete la tecnica a guazzo bisognerà procedere in questo modo: posate con il pennello il colore sul foglio e quindi andate a sfumarlo con l'acqua. Un'operazione questa che prevede che il pennello scorra senza interruzioni per non creare l'effetto della seccatura del colore e quindi l'evidenza della sovrapposizione. Tenete presente che con l'asciugatura i colori si schiariscono con un effetto finale che forse non sarà quello che cercate, quindi caricate in modo giusto il colore per evidenziarne la qualità che volete abbia finita l'opera.

  • 3-Allungate il pennello sulla carta senza mai spingerlo o schiacciarlo sul foglio, la tecnica prevede un uso leggero del pennello che però va usato con la massima precisione e con continuità  Usate solo la parte verso la punta del pennello senza mai andare in contropelo, così facendo eviterete di trovarvi i peli del pennello sulla carta con l'ingombro di doverli staccare e il pericolo di rovinare il vostro disegno  Approfondimento Quando dipingete cercate di non toccare il foglio con le mani perchè potreste sporcarlo e spiegazzarlo  Una tecnica specifica aiuta a colorare solo là dove si vuole e consiste nello strofinare con un pò di cera ( quella di una candela bianca pulita) la parte dove il colore andrà ad aderire con forza  Scegliete colori con le stesse caratteristiche e trasparenza e cromaticamente variati. 
  • 4-Non usate gomme per cancellare perchè ferisce la carta da disegno lasciando antipatiche abrasioni e cambiando l'assorbimento del colore. Non tratteggiate il disegno con il carboncino perchè potrebbe sporcare il colore solare dell'acquerello e cambiarne le caratteristiche. Abituatevi a disegnare con questa tecnica facendo prove sul foglio prima di procedere su un disegno complesso e definitivo. E' necessario poi lavare bene i pennelli con l'acqua dopo ogni uso per evitare che il colore rimanga sulle punte e secchi rovinando lo strumento principale del lavoro. In commercio esistono dei lavapennelli molto utili per la loro ideale conservazione. Avvitate bene i tappi dei colori per non lasciare seccare anche loro e se necessario posizionate all'interno della scatola una piccola spugnetta umida che consentirà ai colori di rimanere sempre perfetti.
  • 5-L'ultima fase che darà un tocco finale al vostro dipinto con grande soddisfazione sarà quello di spruzzare sul dipinto stesso una apposita vernice opaca che proteggerà il dipinto e gli darà un aspetto radioso. Si deve spruzzare sempre tenendo il foglio in orizzontale sul tavolo da lavoro, ad una distanza di circa 30, 40 cm. La vernice, che si acquista nei negozi specializzati, può anche essere stesa con un pennello ma l'operazione è delicata e prevede una mano molto esperta. In ogni caso la vernice asciuga velocemente, quindi, il vostro dipinto sarà pronto per essere ammirato e incorniciato a dovere. Non dimenticate di apporre la vostra firma sul fondo del disegno.