TECNICA ACQUERELLO : bagnato su bagnato

Send by emailSend by emailVersione PDFVersione PDF

domenica 19 settembre 2010

Acquerello, quinta lezione: paesaggio bagnato su bagnato e velatura

Durante i corsi dell'estate offerti dal CIAM a Casacalenda, la maggioranza dei partecipanti ha sperimentato le due tecniche principali dell'acquerello: bagnato su bagnato e la velatura. Per dipingere questo paesaggio a tre colori utilizzeremo le due tecniche. Se volete, prima di mettere l'acqua sulla carta, potete fare un disegno per delimitare le colline e il fiume. Per i più avanzati, non fare il disegno.

Cosa occorre per questa lezione:
-carta 100 per cento cotone e 300 gr al m.quadrato
-colori: giallo trasparente, rosso cadnium, e blu cobalt (si puo fare anche col blu ultramarino)
-pennelli: rotondo e quadrato (quest'ultimo non è essenziale)

Prima fase: il cielo (bagnato su bagnato)
Ben bagnare la carta con acqua . Questa volta non ho messo lo scotch perché ho utilizzato il blochetto di carta. Si puo lavorare così direttamente, senza bisogno di fissare la carta sulla tavoletta. Per aiutarvi con questo esercizio, mettere il blocco di carta ad un angolo di 20-25 gradi per aiutare il colore a scendere.

 Dopo aver ben bagnato, mettere il giallo trasparente sulla parte superiore della carta, fino alla metà, lasciando  un po' di spazio bianco sulla destra. Diluzione del colore: media.


Senza perdere tempo, aggiungere il rosso cadnium sul giallo senza coprirlo interamente.


Subito dopo, aggiungere qualche macchia di blu cobalt.


Se la carta si sta asciugando, prendere il vaporizzatore e aggiungere una specie di piccola pioggia d'acqua.

 


Lasciare asciugare prima di passare alla seconda fase, cioè le velature per dipingere la terra.

Seconda fase: la terra (bagnato su secco)
Quando la carta è ben asciugata (non ci deve stare umidità) prendere il blu cobalt e fare una velatura imitando un paesaggio di colline come quelle del Molise e lasciare in bianco un lago e un fiume che scorre in diagonale sulla carta  imitando il fiume  Biferno.


Fare una seconda velatura per dare più rilievo alle colline più vicino e sul resto della carta.


Fare una terza velatura sempre creando altre colline e finire la velatura fino alla base della carta. Notate il piccolo paese sulla collina alla base della carta. Fate qualche ritocco usando sempre la velatura.


Ecco il nostro acquerello completato. Divertitevi usando diversi colori (solamente tre colori). Per i soci del CIAM, mandateci i vostri esercizi per avere commenti alla mail: ilciam21@gmail.com


 

Loreta Giannetti
artista acquerellista
Presidente CIAM