ESTEMPORANEA A CASA DI SARA

Send by emailSend by emailVersione PDFVersione PDF

Ultimo appuntamento prima delle vacanze estive e della villeggiatura a casa di Sara. Vecchio Palazzo, ampio portone, breve colonnato e poi un piccolo giardino che nella assolata Spagna è un patio e che da noi viene definito con semplicità cortile interno. In realtà è un pullulare di piccole e grandi vite: l’alto noce, il piccolo fico, il possente gelso, gli oleandri dai brillanti colori, il nespolo attaccato al muro, la palma ancorata al terreno da alcune lunghe funi perché con le sue lunghe e alte foglie sembra voler spiccare il volo.

E poi le alte erbe spontanee fra un tronco e l’altro che danno per un breve istante la sensazione della scura brughiera. E molto altro senza dimenticare anche il vecchio e rugoso tronco del lillà ormai da tempo morto che fa immaginare una lunga cascata di grappoli viola appesa all’alto muro. E fra tutto questo noi acquerellisti, qui giunti per scegliere qualcosa di bello da immortalare fra tanto che per essere bello ha solo bisogno di sentirsi amato. Grazie Sara per la bella giornata!